Cucina

Carlo Cracco: uno chef di successo

Se pensi ad uno chef di successo, pensi a Carlo Cracco! Eletto come “Miglior chef 2014”, Carlo sta scalando le vette più altre che uno chef possa mai raggiungere.

Dopo la partecipazione a numerose trasmissioni televisive e soprattutto a “Masterchef” su Sky, la fama dello chef vicentino è cresciuta a dismisura. Cracco, insieme a Bruno Barbieri e Joe Bastianich, è stato giudice di tutte le edizioni italiane di Masterchef, omonima trasmissione culinaria prodotta negli Stati Uniti che ha raggiunto un successo planetario.

carlo-cracco-giovaneGeneralmente uno chef è abituato a stare dietro le quinte, in questo caso dietro i fornelli. La cucina è il luogo prediletto di chi svolge questo mestiere, ed è lì che ogni chef è più propenso a dare il meglio di sé, preparando piatti di alto livello e inventando sempre nuove ricette e combinazioni.

Cracco, ultimamente sembra amare sempre di più i riflettori e le telecamere. Giudicare le creazioni degli altri non deve essere un impresa semplice, e tantomeno essere giudicati da persone con  pluriennali esperienze e competenze come questi tre giudici esigenti e di altissimo livello. La bravura di chef Cracco è senza ombra di dubbio la sua chiave di successo. Anche il duro lavoro ha svolto la sua parte.

Per uno chef il suo palcoscenico è la cucina e le sue opere d’arte sono i piatti realizzati. Senza la passione, la fantasia e la continua ricerca di migliorare e migliorarsi non si arriva da nessuna parte. Cracco, durante la sua carriera, ha lavorato per tantissimi ristorante, famosi e non. Le due esperienze che hanno segnato il suo cammino sono stati: un ristorante milanese dove ha avuto la possibilità di lavorare con lo chef Gualtiero Marchesi, dal quale ha imparato le basi di questa forma d’arte, e l’esperienza triennale in Francia.

carlo-cracco-chef

Nella capitale mondiale dell’arte culinaria Carlo Cracco ha avuto la possibilità di studiare la raffinata cucina francese. Dopo l’esperienze acquisita e gli studi svolti Cracco si sente pronto ad aprire un ristorante tutto suo. Gambero Rosso in pochi anni di attività diventa uno dei ristoranti più amata di Milano e, secondo una classifica di La Repubblica, è classificato tra i 50 migliori Ristoranti del mondo.

Da 2007 il Gambero Rosso prende il nome dello chef. Nel 2011 chef Cracco partecipa, come giudice, alla prima edizione di Masterchef Italia. Da quel momento in poi il suo successo sembra inarrestabile. Molte riviste gli dedicano copertine e pagine intere di interviste, tante ospitate nelle principali trasmissioni televisive, la conduzione di ben due programmi televisivi ed infine la pubblicazione di numerosi libri. ‘Dire, fare, brasare’ e ‘Se vuoi fari il figo usa lo scalogno’ sono i suoi due libri di successo. Possiamo dire che Cracco è per gli italiani lo Gordon Ramsay degli inglesi.

carlo-cracco-libro

Gli ingredienti ci sono tutti. Entrambi hanno due personalità simili ed un carattere forte, possiedono ristoranti famosi e di successo, sono chef di primo livello, hanno da ridire su tutto e tutti, e conducono le principali trasmissioni riguardanti il mondo della cucina. Proprio come Ramsay anche Cracco, da aprile 2014, conduce su Sky la trasmissione Hell’s Kitchen Italia. Possiamo dire che il 2014 sia stato l’anno di Cracco. Lo chef continua ed essere sulla cresta dell’onda e ha deciso di aprire un nuovo bistrot “Carlo e Camilla in segheria”.

Per la costruzione del nuovo bistrot è stato usato proprio una vecchia segheria, ormai in disuso, nella zona di Navigli, a Milano. Carlo ha deciso di mantenere la struttura originale della segheria dandole una nuova vita e funzione. Ma, lasciamo da parte il Cracco famoso e ritorniamo a quella che è la sua mansione principale, lo chef. Come ben sappiamo i più bravi chef del mondo hanno bisogno di viaggiare e vedere il mondo per poter trarre ispirazione e conoscere tante nuove spezie o materie prime da poter proporre nella creazione dei propri piatti.

L’esperienza, la conoscenza, la continua ricerca e l’osservazione sono gli elementi base che fanno diventare grande uno chef. Dal 2001 però Cracco si stabilisce a Milano e nell’occasione di Le Fooding, manifestazione francese che mette insieme i maestri della cucina, lo chef italiano riesce a sorprendere tutti con la preparazione di un piatto unico e mai proposto da nessun. Ovviamente essere un bravo chef, per creare e portare avanti un ristorante di successo, non basta. Bisogna avere un bel gruppo di esperti e collaboratori validi. Bravi cuochi e preparati gourmet sono gli ingredienti essenziali per un ristorante di successo.

Per Carlo Cracco la cucina, e tutto ciò che sta dietro di essa, è un mondo di continua ricerca ed una sfida periodica. Niente e facile da raggiungere e soprattutto da mantenere quando i livelli sono così alti. Quando si va in un ristorante di qualità, le aspettative sono altissime. Cercare di soddisfare, o addirittura superare le aspettative dei clienti, è un’impresa ardua, ma possibile e raggiungibile.

Chef Cracco e il suo team d’eccellenza sono alla continua ricerca della perfezione e cercano di superare sé stessi, in ogni piatto preparato. I menù proposti sono continuamente modificati e le novità culinarie non mancano mai. Il mondo della cucina non è mai stati al centro dell’attenzione come in questi ultimi anni. Le trasmissioni televisive, che mostrano e aiutano i telespettatori, sono infinite. Non tutte però riescono a raggiungere un livello alto.

Che dire poi degli innumerevoli ristoranti che, in un modo o nell’altro, hanno sempre qualcosa da proporre. Insomma, riuscire a farsi spazio in questo ambito pieno di concorrenti agguerriti e in continua evoluzione, non è un’impresa facile. Ovviamente, come in ogni campo, anche qui i più bravi hanno la possibilità di farsi notare ed eccellere.

Carlo-Cracco-expo-2015

Carlo Cracco, dal 2001 e ad oggi, sta sempre mostrando di avere la stoffa ed il talento che l’ha reso uno dei cuochi più bravi al mondo. Siamo sicuri che anche il 2015 sarà un anno pieno di sorprese che Cracco avrà in servo per noi.

Non dimentichiamo che questo è anche l’anno dell’Expo dove chef Cracco è stato eletto come ambasciatore del gusto. Questo sicuramente è solo uno dei suoi tanti futuri progetti.

Photo credits: SelvaggiaLucarelli, Mondadori, LucianoPignataro, PourFemme, Expo

Most Popular

To Top

Iscriviti alla newsletter

Successo-Pop-Up

Sarai informato sulle Prossime Pubblicazioni
e i Grandi Eventi in Programma



Acconsento al trattamento della privacy