Home

Michael Bloomberg: diversificazione e versatilità

Michael Bloomberg è stato sindaco della Grande Mela per ben tre mandati consecutivi.

Michael Bloomberg, considerato una persona onnisciente, è conosciuto per una grande versatilità mentale acquisita grazie alle numerose professioni svolte durante la vita.

Michael Bloomberg, infatti, oltre ad essere stato sindaco e politico, è uno degli imprenditori più importanti degli Stati Uniti. Nel 2010 la rivista Forbes ha classificato Michael Bloomberg al 10° posto tra i 400 uomini più ricchi d’America, con un patrimonio che si aggira intorno ai 36.5 miliardi di dollari.

Michael-Bloomberg-giovaneMichael Bloomberg è nato a Boston il 14 Febbraio 1942. La sua famiglia di origine russa è stata fra le prime a lasciare il proprio paese d’origine per costruire una vita migliore in America. Durante i suoi mandati, infatti, Bloomberg ha sempre mostrato una particolare attenzione riguardo alle tematiche legate all’immigrazione. Appena entrato in politica, la proposta di legalizzare e regolarizzare l’immigrazione clandestina è stata la sua principale proprietà.

Michael Bloomberg, laureato in ingegneria elettronica, decise di frequentare la Scuola di Business e Amministrazione presso l’Università di Harvard. Questo titolo di studio gli ha consentito di diventare uno degli imprenditori di maggior successo degli Stati Uniti.

La sua carriera d’imprenditore è iniziata con la compagnia di Salomon Brothers, dove ha coperto il ruolo di responsabile del borsino obbligazionario e capo dei sistemi di sviluppo. Tali mansioni gli hanno consentito di gettare le basi per la creazione della sua azienda, oltre a fornirgli numerose e preziose nozioni imprenditoriali.

Nel 1987 Bloomberg costruì la sua prima azienda la Bloomberg L.P, una delle più importanti multinazionali nel settore dei mass media. Nel corso degli anni l’impresa ha continuato a crescere, ampliandosi con nuovi canali di comunicazione. La Bloomberg News, Bloomberg Message, e Bloomberg Tradebook sono solo alcune delle filiali lanciate successivamente sul mercato.

michael-bloomberg-sindaco-new-yorkMichael Bloomberg è uno di quei personaggi politici che prima di diventare tale, ha raggiunto il successo come imprenditore. Nel 2001 Michael Bloomberg ricevette il suo primo mandato di sindaco di New York. Il 108° sindaco della Grande Mela è riuscito a diventare primo cittadino grazie ad una campagna elettorale molto estesa e convincente. In quel periodo faceva parte del Partito Democratico americano.

Nelle elezioni del suo secondo mandato del 2005 Michael Bloomberg decise di entrare a far parte del partito Repubblicano. Dal 2001 al 2007 ha offerto il suo contributo combattendo per cause importanti come l’idea favorevole all’aborto, alla legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso. La condivisione di queste cause gli hanno permesso di essere considerato un politico repubblicano liberale.

Nel 2007 arriva un ulteriore cambiamento ideologico di Bloomberg che, questa volta, decide di ricandidarsi in modo indipendente, lasciandosi alle spalle l’esperienza con il partito Democratico e quello Repubblicano. Nel 2009 Bloomberg venne eletto per la terza volta sindaco di New York, continuando a essere indipendente e non legato ad alcun partito politico.

Durante tutti i suoi tre mandati Bloomberg è diventato noto per raggiungere il Municipio utilizzando la metropolitana. Questo gesto gli ha dato ampia popolarità e simpatia tra gli elettori. Un altro gesto che l’ha caratterizzato e contraddistinto dagli altri sindaci di New York è stata la decisione di non risiedere presso Gracie Manson (tradizionale residenza riservata ai sindaci newyorkesi), bensì nel suo appartamento privato situato all’ Upper East Side.

Durante i suoi tre mandati, ma anche dopo, Bloomberg ha dedicato molta attenzione alle numerose cause sociale e quelle legate ai cambiamenti climatici. Bloomberg ha costruito numerose piste ciclabili, cercando di ribadire l’importanza dell’utilizzo della bicicletta in città. New York è diventata un vero e proprio paradiso per molti ciclisti che decidono di praticare sport girando per le vie della metropoli.

I numerosi finanziamenti messi a disposizione per la creazione delle piste ciclabili, hanno creato numerose polemiche nei confronti di Bloomberg che veniva accusato di non essere un sindaco idoneo. Il 2009 è stato l’anno in cui la crisi economica e finanziaria ha colpito la maggior parte delle famiglie americane. Quest’ultime hanno più volte protestato, accusando il sindaco di spendere i finanziamenti pubblici in cose inutili. Secondo gli elettori quello non era un periodo idoneo per pensare alle piste ciclabili, ma bisognava ideare piani di assunzione e di sussidio per venire in contro alle persone in difficoltà. L’era di Michael Bloomberg si chiude con grandi polemiche e discussioni.

Per quanto riguarda la prima candidatura di Barack Obama come presidente degli Stati Uniti, Bloomberg decise di scendere in piazza per offrirgli tutto il suo appoggio.

Attualmente, Michael Bloomberg si occupa esclusivamente della sua azienda di comunicazione. Il magnate americano sembra voler espandere ancora di più il suo impero economico, mettendo gli occhi su New York Times. La più grande testata giornalistica americana sembra essere il prossimo gigantesco acquisto di Bloomberg.

Secondo il Sole 24 Ore, l’ interesse di Bloomberg, citato più volte come possibile acquirente, sarebbe aumentato dopo che Rupert Murdoch si è tirato indietro dopo l’acquisto il Wall Street Journal.

In questo video Michael Bloomberg fornisce dei consigli utili per coloro che vorrebbero intraprendere una  carriera manageriale.

Michael Bloomberg ha disegnato una carriera illuminante, dimostrando come la versatilità, l’accuratezza e la preparazione, siano un cocktail di elementi utili al raggiungimento di grandi obiettivi.

Photo credits: DailyMail, HuffingtonPost, Politico

Most Popular

To Top