Ben-Stiller
Arte

Ben Stiller, l’attore della risata

Ben Stiller, attore comico, regista e produttore cinematografico statunitense è definito l’uomo della risata.

Sono pochi gli attori hollywoodiani che riescono a incrociare la bravura con la comicità. Ben ci riesce alla perfezione.

Ben-stiller-piccolo

L’attore Ben Stiller è nato il 30 Novembre del 1965 a New York. Il padre Jerry Stiller e la madre Anne Meara sono stati attori, oltre che due figure importanti nella vita di Ben che gli hanno trasmesso la passione per la recitazione.

All’età di nove anni, Ben fece il suo primo debutto come attore partecipando nella serie televisiva di breve durata di sua madre, Kate McShane. Dopo quest’esperienza Ben, alla fine del 1970, si esibì con la compagnia newyorkese NYC’s First All Children’s Theater dove interpretò diversi ruoli. Mentre era uno studente liceale, Ben Stiller, ispirato dalla serie televisiva Second City Television si rese conto di voler fare l’attore.

Già all’età di 10 anni Ben cominciò a girare brevi film e con l’aiuto della sorella Amy (attrice anche lei) i due si “allenavano” allestendo veri e propri spettacoli organizzati in casa. Ben e Amy, con l’aiuto di altri amici, realizzarono Super 8, il primo cortometraggio ideato e creato dall’attore.

Queste piccole esperienze aiutarono Ben a capire di voler proseguire la carriera d’attore perché era una cosa che le dava soddisfazione. Il fatto di riuscire a far ridere le persone era per lui una vera e propria fonte d’energia e benessere interiore che lo incentivava a imparare per fare meglio. Ben iniziò a valutato le prime proposte provenienti da Hollywood e decise di dedicarsi al teatro. Proprio durante uno spettacolo teatrale, l’attore, con coraggio e convinzione, propose una breve e divertente parodia per il film Il colore dei soldi. La parodia fu così divertente tanto da essere ripresa e ritrasmessa nel popolare programma televisivo Saturday Night Live, per il quale Ben lavorerà fino al 1989.

Nel 1987 Steven Spielberg lo scelse come attore per il suo film Empire of the Sun (L’impero del sole). Questo fu il primo debutto cinematografico di Ben Stiller che interpretò una piccola parte nelle vesti di Dainty, uno dei ragazzi del campo che stringerà amicizia con Basie e prendeva in giro il piccolo Jamie (il protagonista del film).

Durante la sua carriera Ben Stiller è stato in grado di dedicarsi al cinema, al teatro e alla televisione riuscendo a essere sé stesso in tre differenti ambiti dello spettacolo. Dopo il cinema continuò a lavorare per la televisione, dirigendo uno show. Nello stesso anno apparve in un episodio della 4ª serie di Miami Vice, interpretando una piccola parte nei panni di Fast Eddie Felcher.

La passione d’immortalare immagini e scene della vita quotidiana spinse Ben verso l’arte della fotografia e quella dei video che poi metterà in pratica nel 1994 quando debuttò alla regia con il film Giovani, carini e disoccupati (Reality Bites) con Winona Ryder ed Ethan Hawke. La pellicola di Ben Stiller, realizzata all’età di 21 anni, fotografava alla perfezione il confusionario e trasandato periodo post diploma/laurea di Troy, Sammy, Lelaina e Giovani, giovani americani degli anni 90.


A soli due anni di differenza dalla sua prima pellicola Ben Stiller diresse Jim Carrey nel film Il rompiscatole. Questa volta il risultato è stato uno flop, il film venne fortemente criticato sia dagli esperti in materia che dal pubblico perché poco impressionante.

ben-stiller-tutti-pazzi-per-maryDopo un insuccesso, un grande successo lo attendeva dietro la porta. L’occasione arrivò nel 1998 con la pellicola comica Tutti pazzi per Mary, grazie alla quale l’attore conquistò il grande pubblico. Ben, insieme a una giovane Cameron Diaz, riuscì a scoprire il suo lato comico e divertente che il pubblico non aveva avuto occasione si conoscere.

Da quel momento in poi, Ben accettò numerosi film e commedie che consolidarono ancora di più la sua fama di attore comico. Con Ti presento i miei e il seguito Mi presenti i tuoi?, I Tenenbaum, Duplex – Un appartamento per tre, Starsky & Hutch, Una notte al museo l’attore, però, ha dimostrato una profonda versatilità nell’interpretare sia ruoli drammatici che comici.

La sua carriera ha avuto alti e bassi. Nel 2004 l’attore venne candidato al premio Razzie Awards per la peggiore interpretazione dell’anno per cinque suoi film, …e alla fine arriva Polly, Anchorman – La leggenda di Ron Burgundy, Palle al balzo – Dodgeball, L’invidia del mio migliore amico e Starsky & Hutch. 

Ben Stiller, insieme a Jack Black, Will Ferrell, Vince Vaughn, Steve Carell, i fratelli Owen e Luke Wilson fa parte del gruppo di comici statunitensi denominato Frat Pack. Questi attori, infatti, hanno lavorato insieme per numerose opere cinematografiche, tutte con uno sfondo comico che tende al ridicolo. Questa definizione è stata coniata dal quotidiano USA Today.

Nel 2006 arrivò un’importante ruolo per Ben Stiller che fu scelto come protagonista del sequel Una notte al museo. Anche se il film non è stato accolto bene dalla critica, è riuscito a guadagnare più di 115 milioni dollari nei primi 10 giorni di proiezione.

Nel 2007 Ben recitò accanto a Malin Akerman nella commedia romantica The Heartbreak Kid. Il film ha guadagnato oltre 100 milioni di dollari e anche qui le critiche sono state negative. Nel 2008 Ben si cimentò nuovamente nel ruolo di regista con il film Tropic Thunder. Oltre a dirigerlo Ben recitò al fianco di Robert Downey, Jr. e Jack Black.

Nel maggio 2009 arrivò il sequel di Una notte al museo 2 dove l’attore recitò accanto ad Amy Adams. Ben Stiller indosserà ancora i panni di Larry Daley, il guardiano del museo che di notte si anima rendendolo protagonista di incredibili avventure, in Notte al museo 3 – Il segreto del faraone.

Nel 2013 Ben portò nelle sale il film “I sogni segreti di Walter Mitty” personaggio che celebra la nobiltà dell’uomo comune, che continua a sognare ad occhi aperti. Ben Stiller, produttore, attore e regista di questa pellicola si è mostrato al pubblico in una veste diversa. L’attore, in un’intervista rilasciata a Cinemamente dice:

“Ogni volta che faccio un film attingo dalla situazione in cui mi trovo nella vita. È stato così anche per questo film in cui ho riportato i problemi e le riflessioni della mia vita di adesso. Dirigere un film ti da l’opportunità di fare qualcosa che non avevo mai fatto prima in un territorio scomodo; questo è l’unico modo per dare il meglio di se. Questa pellicola è l’esperienza che mi ha dato maggiori soddisfazioni”.

La rivista Forbes ha classificato Ben Stiller al terzo posto come attore sovra-pagato perché numerosi dei film sono stati dei flop. A febbraio 2015 l’attore è stato a Roma dove girerà il suo prossimo film, con un cast italo-americano. Ben è sposato con l’attrice Christine Taylor con la quale ha 2 figli: Ella Olivia e Quinlin Dempsey.

Photo credits: HuffingtonPost, FunFilmTalk

Most Popular

To Top