Arianna-Huffington
Comunicazione

La storia di Arianna Huffington

La storia di Arianna Huffington (nata Arianna Stassinopoulos) inizia in Grecia.

La giornalista, scrittrice e direttrice di Huffington Post è nata ad Atene il 15 Luglio del 1950.

Arianna Huffintgon –

Arianna, figlia di Konstantinos (proprietario greco di un giornale di scarso successo) e Georgiadi Stasinopoúlou, sin da adolescente aveva il desiderio di studiare all’esterno. I suoi genitori si sono fortemente ribellati alla sua decisione di lasciare il paese d’origine. In numerose interviste rilasciate Arianna Huffington ha rivelato che i suoi genitori avevano intenzioni diverse rispetto alle sue. Viste le tradizioni e la cultura del suo paese d’origine, Konstantinos e Georgiadi volevano che la figlia si sposasse invece di diventare una donna in carriera.

Nonostante l’opposizione dei genitori, all’età di 16 anni Arianna Huffington decise di lasciare Atene e trasferirsi in Gran Bretagna per studiare Economia presso la Girton College di Cambridge. All’epoca Arianna era la prima studentessa straniera dell’intero campus. Inizialmente le difficoltà erano considerevoli, vista la poca dimestichezza con la lingua inglese. Spesso la giovane, che aveva condotto una vita solitaria anche ad Atene, si sentiva in soggezione per via del suo accento così diverso rispetto ai nativi inglese.

Con il passare del tempo le sue difficoltà si trasformarono in forza e voglia di conoscere e imparare sempre di più. La giovane Arianna diventò parte di un’associazione studentesca grazie alla quale scoprì il potere della parola e dei mass media, conobbe persone nuove, fece le sue prime apparizioni in televisione e iniziò a scrivere. Le numerose attività dell’associazione la portarono a dirigersi verso il mondo della scrittura.

All’età di 21 anni Arianna venne eletta Presidentessa del Cambridge Union, diventando così la terza donna che è riuscita a ricoprire tale carica. Quando aveva 22 anni, Arianna scrisse il suo primo libro dal titolo “The Female Woman.” Da quel momento in poi la scrittrice non ha mai smesso di pubblicare libri. Attualmente sono 14 le pubblicazioni delle quali è autrice. Il libro “Cambiare passo. Oltre il denaro e il potere: la terza metrica per ridefinire successo e felicità“, pubblicato in Italia a marzo del 2014, è stato quello che gli ha consentito di affermarsi come una delle autrici più importanti dei nostri tempi.

Non sempre le cose sono andate bene per Arianna Huffington. Nel 1981, ormai al suo secondo libro pubblicato, Arianna decise di scrivere la biografia di Maria Callas. Poco dopo la pubblicazione fu accusata di plagio che si concluse con il patteggiamento. Alcuni anni dopo Arianna dirà che lo scrittore che l’aveva accusato era un amico di vecchia data.

Negli anni 80 Arianna si trasferì a New York, dove, con l’aiuto di Ann Getty e Barbara Walters diventerà onnipresente sulla scena sociale dell’Upper East Side. In quegli anni Arianna si dedicò a pieno tempo all’attività di scrittrice e giornalista, occupandosi principalmente di tematiche riguardanti la politica. Nel 1990 Arianna Huffington ottenne la cittadinanza americana.

Nel 1986 sposò l’ereditiere del petrolio e del gas texano Michael Huffington, un politico repubblicano che lei aiutò negli inizi della sua carriera politica fino all’ elezione al Congresso nel 1992. La coppia ha avuto due figlie Christina Sophia e Isabella Diana. Dopo la fallimentare campagna per il Senato del marito nel 1994, cominciarono anche i primi problemi conguagli.

Il matrimonio finì nel 1997 e questo cambiò la vita di Arianna Huffington che decise di concentrarsi sulle figlie e sulla sorella Agapi, senza tralasciare la carriera di scrittrice e giornalista. Inoltre, dopo la fine del matrimonio, la giornalista, che abitava in un lussuoso quartiere di Los Angeles, conobbe John-Roger, leader del “Movimento per la consapevolezza spirituale interiore”. Oltre a collaborare con la National, Arianna Huffington prese la decisione di  candidarsi a governatore. Questa è stata la decisione più mal riuscita della sua vita. La giornalista prese meno dell’1% dei voti e, dopo la deludente esperienza in politica, tornò alla suo lavoro di scrittrice.

L’incontro, nel 2005, con Jonah Peretti (creatore del portale online di Huffington Post e fondatore di BuzzFeed) cambiò per sempre la vita di Arianna Huffington. La decisione di fondare un giornale online derivò grazie alla sua passione per i media. Huffington Post è stato il primo giornale online della storia. Arianna capì l’importanza e la potenza di Internet. Da quel momento in poi, la maggior parte delle testate giornalistiche statunitensi hanno deciso d’investire per approdare nel vasto mondo della Rete. Nel 2012 il giornale online, che nel corso degli anni ha conquistato sempre più importanza, ha vinto l’ambito premio Pulitzer.

Riguardo al suo giornale dice:

Poche persone hanno veramente interesse sulla notizia del giorno. Quotidianamente, i lettori non fanno altro che ricevere continuamente notizie delle quali, nella maggior parte dei casi, non sono minimamente interessati. Io voglio parlare della gente. Di ciò che succede nella loro vita. E penso che questo sia il genere di notizia che la gente ama realmente conoscere e parlare. “

La rivista Forbes la colloca tra le donne più potenti del mondo. Arianna Huffington ha venduto il suo giornale al gruppo AOL per ben 315 milioni dollari e continua ad essere la redattore capo della testata giornalistica. Il concetto di successo, secondo lei, dovrebbe racchiudere in se quello di benessere, saggezza e gentilezza.

photo credits: Makers, TheGuardianhttp://www.makers.com/arianna-huffington

Most Popular

To Top